Lezioni-Concerto a Milano

 
Print Friendly, PDF & Email

Classica Viva annuncia con grande piacere la sua prossima rassegna di Lezioni-Concerto a Milano, presso la Palazzina Liberty, con il patrocinio del Comune di Milano, dal titolo:

“Non capisco! Son profano!”

Palazzina Liberty Dario Fo e Franca Rame

Largo Marinai d’Italia, 20135 Milano

Lezioni-concerto alla scoperta della musica classica
a cura di Luca Ciammarughi e Stefano Ligoratti

Tutti i particolari sul nostro comunicato stampa, qui

biglietteria elettronica qui

Milano, Palazzina Liberty

n. Data Tipo genere-titolo Autori Brani presentati in concerto – 1 parte Brani presentati in concerto – 2 parte Minutaggio Artisti
1 Sabato 12 Gennaio 2019 – ore 17,30 La forma sonata alle sue origini
D. Scarlatti
CPE Bach
F.J. Haydn
W.A. MozartPianoforte solo
D. Scarlatti: Sonata K. 9 in D minor (L. 413) – durata ~3,50
C.P.E. Bach:
Wurttembergische Sonate n. 1 in la minore, durata ~15 minuti
F.J. Haydn: Sonata in D, H.XVI num. 37 – durata ~12 min W. A. Mozart: Piano Sonata No 16 C major K 545- durata ~22 minuti durata totale ~ 45 minuti Luca Ciammarughi 
Stefano Ligoratti
2 Martedì
29 Gennaio 2019 –
ore 20,30
La forma sonata tra ‘700 e ‘800
L. Van Beethoven
F. SchubertPianoforte solo
L. V. Beethoven: Appassionata n. 23 – Op. 57 in fa min. durata ~24 minuti F. Schubert: Sonata D 960 in Si bemolle maggiore – durata ~41 minuti durata totale ~64 minuti Stefano Ligoratti
Luca Ciammarughi
3 Mercoledì 13 febbraio 2019 –
ore 20,30
Evoluzione della forma Sonata e  forma ciclica R.Schumann
C. FranckViolino e Pianoforte  
R.  Schumann: Violin Sonata in la minore n. 1 op. 105  – durata ~16,33 minuti C. Franck:
Sonata per violino e pianoforte in La magg- Durata ~28 minuti
durata totale ~50  minuti Luca Ciammarughi con Yulia Berinskaya
e Stefano Ligoratti
4 Mercoledì 27 Febbraio 2019 –
ore 20,30 
La Sinfonia: Beethoven e Schubert L.Van  Beethoven
F. SchubertOrchestra
Sinfonica ClassicaViva
L. V. Beethoven: Sinfonia n. 6 op 93 in fa magg. “Pastorale” – durata ~45 minuti F. Schubert: Sinfonia n. 5 D 485 in sib maggiore Durata ~29 minuti durata totale ~74  minuti Stefano Ligoratti – Direttore
Luca Ciammarughi – relatore
5 Venerdì 15
Marzo 2019 –
ore 20,30
La fantasia W.A. Mozart
F. Schubert
F. Busoni -pianoforte solo
– duo pianoforte a 4 mani
– pianoforte solo
W. A. Mozart:
Fantasia in re min K 397 – durata ~6 minutiF. Schubert: Fantasia in fa min a 4 mani Op. 103 D940 – durata ~20 minuti
F. Busoni – Fantasia nach
J. S. Bach
BV 253 – durata ~14 minuti
durata totale ~40 minuti Luca Ciammarughi
Luca Ciammarughi e Stefano Ligoratti
Stefano Ligoratti
6 Lunedì 15
Aprile 2019 –
ore 20,30
La Suite J.S. Bach,
J. Ph. Rameau
C. DebussyVioloncello solo
Pianoforte solo
Pianoforte a 4 mani
J. S. Bach: Suite n. 1 per viol. solo BWV 1007 in Sol magg – durata ~20 minuti

J. Ph. Rameau: Suite in A minor – durata ~32  minuti

C. Debussy:
Petite suite a 4 mani L 71 – durata ~15 minuti
durata totale ~67 minuti Cosimo Carovani
Luca CiammarughiLuca Ciammarughi e Stefano Ligoratti
7 Martedì 28 Maggio 2019 –
or e 20,30
Il concerto per pianoforte  e Orchestra J. S. Bach

R. Schumann

Pianoforte con ensemble di archi

J. S. Bach: Concerto in re min. BWV 1052 durata ~25 minuti R. Schumann: Concerto per pianoforte e Orchestra op. 54 in la min, durata ~36 minuti durata totale 1 ora circa Luca Ciammarughi
Stefano Ligoratti
8 Martedì 11  
Giugno 2019 –
ore 20,30
Il Lied W.A. Mozart
F. Schubert
F. Schumann
H. Wolf, ecc.Pianoforte e Cantanti
Lieder vari   durata totale 1 ora circa Luca Ciammarughi, pianoforte
Monika Lukács, Soprano
Giulio Alvise Caselli, tenore
9 Venerdì 21 Giugno
2019 –
ore 20,30
L‘Opera
lirica
W.A.Mozart
V. Bellini
G. Donizetti
G. Verdi
G. PucciniPianoforte e
Cantanti
Arie d’opera
varie, con Sopranoe Tenore
  durata
totale 1 ora
circa
Stefano Ligoratti, pianoforte
Monika Lukács, Soprano
Giulio Alvise Caselli, Tenore

 

 

Schumann – pianista: Luca Ciammarughi

 Artisti, Luca Ciammarughi, Luca Ciammarughi - pianista  Commenti disabilitati su Schumann – pianista: Luca Ciammarughi
Gen 132017
 
Print Friendly, PDF & Email

Robert Schumann (1810-1856):

  • Intermezzi op. 4

          – Allegro quasi maestoso
          – Presto a capriccio
          – Allegro marcato
          – Allegretto semplice
          – Allegro moderato
          – Allegro

  •  Kinderszenen op. 15

          – Von fremden Ländern und Menschen
          – Kuriose Geschichte
          – Hasche-Mann
          – Bittendes Kind
          – Glückes genug
          – Wichtige Begebenheit
          – Träumerei
          – Am Kamin
          – Ritter vom Steckenpferd
          – Fast zu ernst
          – Fürchtenmachen
          – Kind im Einschlummern
          – Der Dichter sprich

  • Waldszenen op. 82

          – Eintritt (Entrata) – Nicht zu schnell
          – Jager auf der Lauer (Cacciatore in agguato) – Hochst lebhaft
          – Einsame Blumen (Fiori solitari) – Einfach
          – Verrufene Stelle (Luogo maledetto) – Ziemlich langsam
          – Freudliche Landschaft (Paesaggio gioioso) – Schnell
          – Herberge (Osteria) – Massig
          – Vogel als Prophet (Uccello profeta) – Langsam, sehr zart
          – Jagdlied (Canzone di caccia) – Rasch, kraftig
          – Abschied (Addio) – Nicht schnell

 

Hommage à Rameau – pianista: Luca Ciammarughi

 Artisti, Luca Ciammarughi, Luca Ciammarughi, Luca Ciammarughi - pianista  Commenti disabilitati su Hommage à Rameau – pianista: Luca Ciammarughi
Gen 132017
 
Print Friendly, PDF & Email

Jean-Philippe Rameau (1683-1764)

  • Nouvelles Suites de Pièces de Clavecin (1728)
    Suite in La: Allemande – Courante – Sarabande – Les Trois Mains – Fanfarinette – La Triomphante – Gavotte et Doubles de la Gavotte

Claude Debussy (1862-1918)

  • Hommage à Rameau (da “Images”, Première Série)

Jean-Philippe Rameau (1683-1764)

  • Nouvelles Suites de Pièces de Clavecin (1728)
     Suite in Sol: Les Tricotets (Rondeau) – L’Indifférente – Menuet I et II – La Poule – Les Triolets – Les Sauvages – L’Enharmonique – L’Egyptienne
Nov 302016
 
Print Friendly, PDF & Email

I nostri due pianisti, Luca Ciammarughi e Stefano Ligoratti, rispettivamente Direttore Editoriale e Direttore Artistico del nostro Network, hanno recentemente deciso di collaborare anche artisticamente come duo pianistico.

Il primo frutto di questa indedita formazione artistica è stata la registrazione di una splendida videolezione sulla Fantasia a 4 mani in fa min. di Franz Schubert, disponibile gratuitamente su Youtube e sul nostro sito specializzato dedicato alle videolezioni online: (l’esecuzione completa del brano inizia al minuto 36,38) http://www.classicaviva.com/videolezioni/

I due artisti offrono ovviamente anche i loro programmi da concerto, eventualmente integrati da videolezioni dal vivo. Eccone un primo esempio:

SCHUBERT – Four Hands

Programma belcantistico – di Monika Lukacs

 Artisti, Cantanti, Monika Lukacs, Monika Lukàcs - soprano  Commenti disabilitati su Programma belcantistico – di Monika Lukacs
Nov 272016
 
Print Friendly, PDF & Email

160710-monika-casa-verdi-10141Il Soprano Monika Lukacs presenta un programma dedicato ad immortali arie del “bel canto” italiano, che esegue accompagnata al pianoforte dal M° Stefano Ligoratti:

  • G. Rossini:
    Maometto II, Preghiera di Anna -“Giusto Ciel”
  • V. Bellini:
    Norma, Cavatina di Norma – “Casta Diva”
    La Sonnambula, Cavatina di Amina – “Care compagne”
    I Puritani, Aria di Elvira – “Qui la voce sua soave”
  • G. Donizetti:
    Don Pasquale, Cavatina di Norina – “Quel guardo il cavaliere”
    Anna Bolena, Scena e aria finale di Anna – “Piangete voi?”
  • G. Puccini:
    La Bohème, Valzer di Musetta – “Quando me’n vo’”
    La Rondine, Aria di Magda – Chi il bel sogno di Doretta”
  • G. Verdi:
    Un ballo in maschera, Aria di Oscar – “Saper vorreste”
    Rigoletto, Aria di Gilda – “Caro nome”
    La Traviata, Aria di Violetta – “E’ strano, è strano…”

Nov 222016
 
Print Friendly, PDF & Email

Il pianista Stefano Ligoratti presenta:

Le musiche che hanno segnato le relazioni tra R. Schumann, C. Wieck e J. Brahms

PROGRAMMA:

Robert Schumann
Impromptus on a theme by Clara Wieck, op. 5

Clara Wieck
Romance nr. 2, Op. 11 in g minor

Robert Schumann
5 Albumblätter from Bunte Blätter, Op. 99

Johannes Brahms
Variations on a theme by R. Schumann, op. 9

 

 

Luca Ciammarughi in concerto a Milano, Politeatro, 28 ottobre 2012

 Artisti, Concerti, Concerti solistici, Luca Ciammarughi, Luca Ciammarughi, Pianisti  Commenti disabilitati su Luca Ciammarughi in concerto a Milano, Politeatro, 28 ottobre 2012
Ott 262012
 
Print Friendly, PDF & Email

Locandina Concerto Luca Ciammarughi 28 ottobre 2012, Milano, Politeatro, ore 17,00

Imperdibile concerto di Luca Ciammarughi a Milano, Domenica 28 ottobre 2012, Politeatro, Viale Lucania, 18

ClassicaViva e il Clavicembalo Verde presentano

“da Versailles a Vienna”

Concerto del pianista Luca Ciammarughi

Politeatro – Milano, Viale Lucania, 18

Domenica 28 ottobre 2012, ore 17,00

Programma

Jean-Philippe Rameau (1683-1764):

Dalle “Nouvelles Suites de pièces de clavecin”:

Allemande

Les trois mains

Sarabande

Gavotte et variations

Les Tricotets

L’indifferente

La poule

Les sauvages

Dai “Pièces de clavecin en concerts”: La Livri (Rondeau)

Franz Schubert (1797-1828):

Impromptu op. 142 n. 1 D 935 in fa minore

Impromptu op. 142 n. 2 D 935 in la bemolle maggiore

Klavierstück D 946 n. 1 in mi bemolle minore

Biglietti: € 5

Il pianista Luca CiammarughiRiconosciuto come uno dei più interessanti interpreti di Schubert della sua generazione, Luca Ciammarughi si dedica da molti anni allo scavo di questo autore, al quale lo lega una particolare affinità. Le sue interpretazioni schubertiane hanno ricevuto l’apprezzamento di musicisti e critici come Eric Heidsieck, Riccardo Risaliti (“lirismo, bellezza di suono, intimismo e tragicità, accostati in una narrazione coerente ed emotiva.”), Antonio Ballista, Luca Segalla (“Ciammarughi riesce a essere originale e coerente in un capolavoro dove la tentazione di imitare i grandi del passato è sempre dietro l’angolo. […] Il giovane Brendel, nel 1962, era molto più neutro”), Guido Salvetti e schubertiani di vaglia come Paolo Bordoni e Paul Badura-Skoda. Proprio con Paolo Bordoni, figura fondamentale sia dal punto di vista pianistico che musicale e umano, Luca Ciammarughi ha compiuto tutto l’iter dei suoi studi al Conservatorio G. Verdi di Milano, diplomandosi con il massimo dei voti e la lode.

L’interesse per la liederistica tedesca e la Mélodie francese l’ha portato a un intenso periodo di approfondimento del rapporto fra parola e suono, svoltosi sia al Conservatorio di Milano (nella classe di musica vocale da camera di Stelia Doz, dalla quale è uscito con un diploma accademico ottenuto con lode e menzione d’onore) sia all’Académie de Nice con Dalton Baldwin, che l’ha voluto come suo assistente in numerose masterclass. Questa fase è stata coronata dal premio di miglior duo, ottenuto insieme al soprano Sakiko Abe, in uno dei pochi concorsi storici di interpretazione liederistica, quello di Conegliano, presieduto da Regina Resnik. Come liederista ha collaborato con il tenore Mirko Guadagnini, il mezzosoprano Oksana Lazareva e i soprani Barbara Vignudelli e Monika Lukacs.
Si è esibito come solista e camerista (soprattutto in duo con il gemello violinista Jacopo e con il pianista e compositore Danilo Lorenzini) per prestigiose istituzioni e sale concertistiche italiane ed europee, fra le quali: Festival dei Due Mondi di Spoleto, Mito Settembre Musica, Taormina Arte, La Verdi, Compagnia Carlo Colla & figli, Società dei Concerti di Milano, Festival Liederiadi, Festival Amfiteatrof, Piano City-Milano, SpazioTeatro89, Teatro Dal Verme, Festival Guadalquivir in Spagna, European Union Youth Orchestra, Salle Cortot di Parigi e altre ancora. Come solista con orchestra ha interpretato con la Camerata dei Laghi diretta da Andrea Rizzi i Concerti BWV 1052 di Bach e K 491 di Mozart. Ha debuttato negli Usa allo Spoleto Festival di Charleston. Nel 2012 il pianista Maurizio Baglini lo ha invitato a tenere un recital nella Sala degli Arazzi del Palazzo Reale di Pisa. L’interesse per il repertorio inesplorato lo ha portato a divulgare autori come Reynaldo Hahn, di cui ha suonato recentemente le “Berceuses” a quattro mani, durante la trasmissione “Piazza Verdi” su Radio Tre Rai.
Appassionato di barocco, da anni ha fatto della musica tastieristica di Jean-Philippe Rameau un fulcro del suo repertorio.
Dal 2010 è direttore artistico del festival “Settimana in musica” di Clusone.
Musicista inusuale, affianca all’attività concertistica la conduzione di programmi su Radio Classica (migliaia di trasmissioni dal 2007 ad oggi, dedicate al pianoforte, alla recensione di novità discografiche, alla musica nel cinema e agli interpreti storici) e sul canale televisivo “Classica” di Sky. E’ critico musicale per la storica rivista “Musica” di Zecchini Editore e per il quotidiano “Milano Finanza”. Ha recitato come protagonista nella pièce teatrale “L’ultima Sonata”, scritta insieme a Ines Angelino e dedicata alla figura di Franz Schubert.

Note sul programma del concerto

Nel programma di questo concerto, Luca Ciammarughi esplora due mondi distanti fra loro: quello della corte barocca di Versailles, all’epoca di Luigi XV, e quello del salotto romantico viennese. Protagonista della prima parte sarà la musica di Jean-Philippe Rameau, uno dei maggiori compositori francesi di sempre e autore anche di un “Trattato di Armonia” che ancora oggi è considerato come testo fondamentale per lo studio dell’armonia moderna. Rameau fu un personaggio molto particolare: da giovane fece una vita ritirata nella Francia centrale, lavorando come organista in diverse chiese e occupandosi di studi teorici, filosofici e di fisica del suono; il successo per lui arrivò dopo i sessant’anni, quando divenne compositore ufficiale alla corte del re Luigi XV. Negli ultimi anni, i parigini impazzivano per la sua musica. La sua produzione non è molto vasta, ma caratterizzata da un’assoluta perfezione e da un’espressività intensa che ritroviamo sia nelle opere liriche che nella musica da camera e per clavicembalo. I brani che ascoltiamo oggi fanno parte delle “Nuove Suites per clavicembalo”, scritte nel 1728, quando ancora Rameau non si era trasferito a Parigi. Il compositore aveva comunque già 45 anni: si tratta degli ultimi brani che scrisse per strumento a tastiera prima di concentrarsi maggiormente sulle opere.

Al tempo, naturalmente, questa musica si eseguiva sul clavicembalo, ma oggi è possibile anche suonarla al pianoforte, strumento che permette di esaltare la cantabilità e la teatralità della scrittura di Rameau, ricca di contrasti e colpi di scena. La difficoltà, nello strumento moderno, sta nell’eseguire con leggerezza e agilità gli abbellimenti e le numerose ornamentazioni che Rameau aggiunge alla linea melodica per renderla più ricca e fastosa.

I brani scelti da Luca Ciammarughi, dalle Suites in la minore e in sol maggiore, alternano tempi di danza e pezzi di carattere. Così, accanto a movimenti tradizionali dell’epoca barocca come l’Allemanda, la Sarabanda e la Gavotta, troviamo titoli curiosi e sperimentali: “Le tre mani” è un brano caratterizzato dall’incrocio virtuosistico delle mani, che rende l’illusione che il pianista abbia una mano in più; “La gallina” imita il coccodé del volatile per poi svilupparsi in modo inaspettatamente drammatico; “I selvaggi” evoca le danze di due indiani d’America che Rameau aveva visto in una fiera parigina. La fantasia del compositore è straordinaria, e molte delle sue invenzioni armoniche risultano ancora oggi attuali e addirittura futuristiche. La prima parte del concerto è chiusa da un brano di languida e amorosa espressività, “La Livri”, che trae il titolo dal cognome della dedicataria: esso è estratto dai “Pezzi in concerto”, Suites di musica da camera scritte nel 1741 e successivamente trascritte per strumento solo.

Con la seconda parte, più breve, passiamo dalla corte reale al salotto romantico: siamo a Vienna, nell’epoca della Restaurazione. Dopo il Concilio di Vienna del 1815 i governanti avevano tolto molte delle libertà di epoca napoleonica. C’era un regime di censura, e gli artisti amavano riunirsi in case private, circoli e salotti, per potersi esprimere più liberamente. Franz Schubert fu al centro di serate che i suoi amici chiamarono “Schubertiadi”, nelle quali si mangiava, si danzava, ci si divertiva e si faceva naturalmente tanta musica. Oltre a composizioni vocali venivano eseguiti anche brani pianistici: danze leggere o brevi pezzi di carattere.

I due improvvisi che ascolteremo nacquero proprio in quegli ambienti. Schubert, però, va ben oltre le mode dell’epoca e produce una musica geniale e inaudita: una musica che rispecchia da un lato la dolcezza e la spensieratezza del suo carattere, dall’altro gli aspetti tragici di una vita segnata dalla povertà, dalla malattia e dalle delusioni sentimentali e professionali. I due brani che ascolteremo furono composti nell’ultimo anno di vita del genio austriaco, che morì a soli 31 anni, solo e quasi ignorato dai suoi contemporanei. Il Klavierstuck n. 1 alterna momenti di agitazione drammatica a oasi di lirismo, mentre l’Improvviso op. 142 n. 2 è un lungo canto che si distende sublime, richiamandoci la bellezza dei paesaggi austriaci attorno a Vienna e la bellezza profonda dell’animo di Schubert.

Lug 212012
 
Print Friendly, PDF & Email

Christian BellisarioStefano Ligoratti al pianoforteNell’ambito del Lugano Longlake International Festival Classic, al Teatro Foce, a Lugano, il 22 luglio 2012, va in scena, alle ore 20,30, il bel concerto di chiusura, dedicato a Schubert e a Smetana.

Ad esibirsi, il Trio Hephzibah (Fiore Weidmann al violino, Christian Bellisario al violoncello e Stefano Ligoratti al pianoforte).

In programma,

il Trio in mi bemolle maggiore op. 100 (D.929) di Franz Schubert (1797 – 1828),

ed il  Trio in sol minore  op.15  di Bedrik Smetana (1824 – 1884).

Il celebre Trio in mi bemolle maggiore n. 2 di Franz Schubert è articolato nei movimenti:

1. Allegro
2. Andante con moto
3. Scherzo
4. Allegro moderato

Questo celeberrimo Trio con pianoforte, op. 100, scritto nel 1827 (quindi un anno prima della morte del compositore), costituisce, insieme all’altro Trio in si b minore, op.99, il vertice della musica da camera di Schubert.
I due Trii furono senza dubbio scritti a breve distanza di tempo l’uno dall’altro. Il manoscritto dell’opera 100 D 929, qui presentato, porta la data “novembre 1827”.
La prima esecuzione avvenne con ogni probabilità la sera del 26 marzo 1828, anniversario della morte di Beethoven, nel corso dei un memorabile concerto organizzato da Schubert a proprio beneficio.

A differenza del Trio op. 99, che vide la luce postumo, questo Trio fu pubblicato dall’editore Probst di Lipsia poche settimane prima della morte di Schubert, nell’ottobre 1828.
Articolato in quattro movimenti, il Trio in mi bemolle maggiore è un’opera di vaste proporzioni, una delle composizioni schubertiane in cui risulta più evidente la ricerca di una completa unità formale. Questa viene realizzata con diverse assonanze tematiche tra i vari movimenti.

L“Allegro” iniziale, con cui si apre la composizione, è pieno di vigore e slancio melodico, ed è nel tempo di 3/4. E’ organizzato in modo molto libero dal punto di visa tonale, e tocca una dozzina di tonalità.
Il secondo movimento, “Andante con moto” è meritatamente famosissimo, anche per via del fatto che fu usato nel film di Stanley Kubrick “Barry Lindon”.  L’Andante, in do minore, si apre con una mesta ed accorata melodia del violoncello, che ricomparirà poi a sorpresa nel movimento finale. E’ un tema intenso e doloroso, che evoca la durezza del destino, e ci riporta all’atmosfera desolata e senza speranza della Winterreise.
Lo Scherzo, di nuovo in mi b maggiore, presenta una melodia in canone tra i tre strumenti.
Infine il quarto movimento, un ampio Allegro moderato, vede un ruolo predominante del pianoforte. Dopo l’inizio spensierato e persino allegro, giunge la ripresa del tema in do minore del violoncello, uno dei momenti più emozionanti di tutta la musica da camera di Schubert.

Bedřich Smetana – Trio in sol minore, per pianoforte, violino e violoncello op. 15 (1855)

(da un programma di sala di Sergio Sablich):
Smetana venne maturando il proprio stile compositivo negli anni Quaranta, sotto l’influenza dei grandi poemi sinfonici di Liszt e Berlioz. Patriota convinto, partecipò ai moti insurrezionali del 1848, che lo videro arruolato nella guardia nazionale, e basò la propria ideologia culturale sul fondamento delle tradizioni musicali del proprio Paese, la Boemia: egli divenne il padre della musica boema e il promotore di una corrente nazionalistica cèca non sottomessa all’egemonia delle culture musicali straniere. La sua opera più nota, il ciclo di poemi sinfonici intitolato Mà Vlast (La mia patria), è il documento più felice di questa volontà di conciliare musica colta e tradizione popolare, spirito sinfonico ed epopea nazionale: intenti che ispirarono anche le sue opere teatrali, dove la freschezza della vita dei villaggi contadini si armonizza con le leggende popolari autoctone e si fonde con le vicende storiche, patriottiche.

Se il nome di Smetana acquistò risonanza internazionale nei campi del poema sinfonico e dell’opera, i tratti caratteristici del suo stile si ritrovano anche nella produzione cameristica, non cospicua ma ben individualizzata. Di essa fa parte, accanto a due successivi Quartetti per archi, un unico Trio con pianoforte, in sol minore op. 15, che risale al 1855 e fu originato da un avvenimento luttuoso: la morte della figlia Bedriska, di soli quattro anni e mezzo di età. È un’opera che nel suo programma autobiografico si configura come un’intima confessione, intrisa di sottili tenerezze, immediata negli stati d’animo, ma energica e compatta, filtrata attraverso una chiara disciplina formale.

La dignità e la compostezza dominano anche nei momenti più amari e dolenti, per tradursi in un discorso non convenzionale, dall’andamento rapsodico, ma classicamente equilibrato.

Ne è dimostrazione il piano costruttivo. Il Trio presenta al primo posto un movimento lento, Moderato assai, che si apre con un recitativo del violino solo nel registro grave: un lamento carico di tensione e di malinconia, a cui fanno eco, sviluppandolo, il pianoforte e il violoncello. Questo tema principale, simbolo del rimpianto, è anche l’elemento che collega tra loro i vari episodi dell’opera ritornando, trasformato nel ritmo e variato nell’armonia, in tutti e tre i movimenti. Lo sviluppo ha un energico slancio drammatico, sottolineato dalla cupa tonalità di sol minore, e viene interrotto da rapide improvvisazioni solistiche, quasi fuggevoli reminiscenze di carezze e di gesti infantili.

Lo Scherzo che segue è in forma di rondò. Figure motiviche derivate dal tema del primo movimento si intrecciano con due episodi alternativi: il primo calmo e disteso (Andante), il secondo nel modo di una marcia funebre (Maestoso). Anche il Finale (Presto) si richiama alla forma del rondò. I temi sono ritmicamente marcati e incalzanti come in una danza macabra, quasi agitati dallo spettro della morte; invano si ripresentano, a scacciare l’ispirazione programmatica, i ricordi lieti e le nuove reminiscenze del tema principale, ora in “Grave”. Ma quando la tensione ha raggiunto il suo culmine, l’atmosfera improvvisamente si rasserena e il canto si fa vigoroso e quasi affermativo, cancellando il cupo sol minore con una coda giubilante in maggiore.

Il Trio fu composto nel 1855 (Smetana aveva allora trentun anni), subito dopo la morte della figlia Bedriska (Federica), scomparsa all’età di soli quattro anni. Fu accolto dapprima piuttosto freddamente dal pubblico e solo in seguito ottenne un discreto successo – grazie anche al forte apprezzamento di Franz Liszt – pur senza mai entrare stabilmente nel repertorio cameristico corrente.

Teatro Foce
Via Foce 1
6900 Lugano
Tel. 058 866 72 03
Email: sportello.foce@lugano.ch