Gen 282011
 
Print Friendly, PDF & Email

La stagione concertistica dell'Umanitaria a MilanoIl 30 gennaio 2011 si terrà  a Milano un insolito concerto di musica da camera, per la stagione “Camera con vista” della Società “L’Umanitaria“, nell’Auditorium, alle ore 17.00 Ingresso: Via San Barnaba 48 – 20122 Milano – Biglietti: € 10,00-7,00

Il duo Lukacs-Ligoratti

In occasione del duecentesimo anniversario della nascita di Franz Liszt, la soprano ungherese Monika Lukács, con il pianista Stefano Ligoratti, propongono infatti un programma raffinato, che si ascolta troppo raramente. Si tratta dei lieder del grande compositore, e precisamente:

Programma

F. Liszt (1811-1886)

  • Über den Gipfeln (J. W. Goethe)
  • Ich liebe dich (F. Rückert)
  • Du bist wie eine Blume, (H. Heine)
  • Der Fischerknabe (F. Schiller)
  • Freudvoll und leidvoll (J. W. Goethe)
  • Oh! Quand je dors, ( V. Hugo)
  • Mignon’s Lied (J. W. Goethe)
  • Es muß ein Wunderbares sein ( Redwitz)
  • Kling leise, mein Lied, ( Nordmann)
  • Im Rhein im schönen Strome (H.Heine)
  • In Liebeslust (H. Fallersleben)
  • Hohe Liebe (Uhland)
  • Die Loreley (H. Heine)
  • G. Verdi (1813-1901): Lo spazzacamino

La Stagione di Concerti 2010-2011 ha un taglio decisamente “internazionale” perché intende essere un osservatorio privilegiato delle differenti culture musicali europee. Da qui il titolo “Camera con vista”, che non vuole essere un filologico omaggio al libro di Foster, ma ne vuole mutare, nel nostro immaginario, il significato, facendo diventare il pubblico dell’Umanitaria un osservatore privilegiato, affacciato ad “una finestra sul mondo”: quello dei nostri musicisti. A loro, vincitori della prima edizione internazionale del Concorso per l’attribuzione di Borse di Studio agli Studenti degli Istituti di Alta Formazione Musicale – che la Società Umanitaria indice – o laureati di competizioni nazionali, l’Umanitaria ha infatti chiesto di formulare programmi con musiche legate alla storia e alla tradizione culturale del loro Paese; senza per questo dover scegliere autori obbligatoriamente nazionali. Qui, il cartellone completo.