Mar 212012
 
Print Friendly, PDF & Email

Locandina di presentazione del CD ClassicaViva presenta con orgoglio il proprio nuovo CD, “Violin in White”, inciso da Yulia Berinskaya e Stefano Ligoratti e dedicato alla musica russa.

L’evento-concerto si terrà
lunedì 26 marzo 2012, alle ore 21,
a Milano
presso il Teatro Politeatro
in Viale Lucania, 18

ingresso libero

nel corso della serata verranno presentati ed eseguiti dal vivo alcuni dei brani presenti nel CD.

Questo “Violin in White” fa parte di una serie di altre incisioni, che formano una collana, in cui ogni stile musicale viene associato ad un colore, da un’idea della violinista Yulia Berinskaya.

Ecco, nei dettagli, il programma del disco:

Violin in White

Maksym Berezovsky (1745-1777)
Sonata per violino e pianoforte in Do Maggiore

1

Allegro

4:06

2

Grave

4:15

3

Minuetto

3:30

Pyotr Ilyich Tchaikovsky (1840-1893)

4

Melodia Op. 42 n. 3

3:30

5

Valse-Scherzo Op. 34

6:11

Sergey Prokofiev (1891-1953)
Sonata per violino e pianoforte op. 94a in Re maggiore

6

Moderato

7:35

7

Presto

4:55

8

Andante

3:23

9

Allegro con brio

7:00

Sergey Prokofiev (1891-1953)
Tre scene dal balletto Romeo e Giulietta – trascriz. di D.J. Grunes

10

Montecchi e Capuleti

3:38

11

Danza delle fanciulle delle Antille

2:01

12

Maschere

2:03

Sergey Berinsky (1946-1998)
“Reminiscence” Sonata for violin and piano (1979)

13

Allegro

6:04

14

Adagietto

4:35

15

Allegretto

5:56

68:42

Per questa serie sono già stati pubblicati “Violin in Red”, con il pianista Andrea Rebaudengo, uscito nell’aprile 2010 per le Edizioni Suonare News, in allegato alla rivista (con registrazioni “live”), e il nostro “Violin in Blue”, con il pianista Stefano Ligoratti (registrato negli studi di ClassicaViva e uscito nel dicembre 2010). Due meravigliosi musicisti, insieme, non potevano che produrre un risultato di eccellenza: e così si sono ritrovati anche per questo nuovo disco, dedicato alla musica russa. I due artisti, dotati ciascuno di forte e ben riconoscibile personalità, hanno ancora perfezionato, in queste esecuzioni, il loro accordo magico, in un repertorio affascinante quanto arduo, presentando anche pezzi poco noti.
Secondo il sentire di Yulia, in questo nuovo CD, il colore bianco evoca la purezza, il rifarsi a archetipi universali (come l’amore di Romeo e Giulietta) e agli ideali, il trasformare il dolore trasfigurandolo in arte.
Il disco presenta un interessantissimo excursus della musica da camera russa, a partire dal ‘700, con Berezovsky, uno dei primissimi (e pochissimi) compositori russi professionisti in questo secolo. La cultura cameristica, da lui appresa da in Italia, era poco diffusa in Russia, quindi la Sonata di Berezovsky, qui presentata, è un esempio un po’ naif, ma molto interessante: mentre nell’800 in Europa si aveva un’enorme fioritura proprio di musica da camera, in Russia si dovette aspettare il ‘900 per averne una produzione vera e propria.
Ecco quindi anche qualche raro esempio di musica virtuosistica per violino e pianoforte dell’800, con due famosissimi brani di Tchaikovsky, ben conosciuti soprattutto nella versione per violino e orchestra, per poi passare al grande ‘900 di Prokofiev. La famosa Sonata n. 2 op. 94a., opera esaltata come “magnifica” persino da Shostakovich, storico antagonista di Prokofiev, è seguita da tre brani tratti dalla famosa Suite estratta dal balletto “Romeo e Giulietta”
L’ultima parte del CD è un’appassionata esecuzione della splendida Sonata “Reminiscence” di Sergey Berinsky, grande compositore russo, nonché padre di Yulia, ispirata proprio dalla figlia.
Si tratta di un lavoro inedito in Europa, che mette in luce le straordinarie qualità di questo compositore, audace ma rigoroso, originale e potente, in una Sonata che evoca con intensa commozione il grande olocausto del popolo ebreo, di cui egli rese tenace testimonianza.