Ott 172011
 
Print Friendly, PDF & Email
Festival Liszt Mahler al Conservatorio di MilanoIl 20 ottobre 2011, alle ore 21, nella Sala Verdi del Conservatorio di Milano, si terrà il Concerto inaugurale del Festival Liszt e Mahler: “La musica è fascinazione”, dal titolo “Angeli e Demoni“.





ingresso gratuito

Ecco il ricco ed affascinante programma:

FRANZ LISZT (1811-1886)
Ballata n. 2 in si minore: Alexandra Ducariu, pianoforte
– Lieder: Monica Lukàcs, sopranoStefano Ligoratti, pianoforte





  • Ich liebe dich (su testo di F. Rückert)
  • Du bist wie eine Blume (su testo di H. Heine)
  • Der Fischerknabe (su testo di F. Schiller)
  • Freundvoll und leidvoll (su testo di J. W. Goethe )
  • Oh, quand je dors (su testo di V. Hugo)
  • Es muss ein Wunderbares sein (su testo di O. Redwitz)
  • Im Rhein ,im schöne Strome (su testo di H. Heine)
  • Kling leise mein Lied (du testo di J. Nordmann)
  • Hohe Liebe (su testo di L. Uhland)
  • Bist du! (su testo di F.E. Metschersky)
  • Wie singt die Lerche schön (su testo di H. Von Fallersleben)
  • Loreley (su testo di H. Heine)
  • O lieb (su testo di F. Freiligrath)
Il Soprano Monika Lukacs e il pianista Stefano Ligoratti in concerto con i Lieder di Liszt
– La lugubre gondola: Luca Colardo violoncello – Boris Iliev, pianoforte
– Sonata in si minore: Alfredo Blessano, pianoforte

Stefano Ligoratti in concerto a Torino per il Salone del Libro

 Stefano Ligoratti, Concerti solistici, I concerti a calendario, Pianisti, Stefano Ligoratti  Commenti disabilitati su Stefano Ligoratti in concerto a Torino per il Salone del Libro
Mag 052011
 
Print Friendly, PDF & Email

Concerto Appassionatamente di Stefano Ligoratti - Torino - Salone del Libro 2011ClassicaViva sarà presente a Torino, nell’ambito del Salone Internazionale del libro, come espositore, al Padiglione 1, Stand E85 D86.

Presenterà anche alcuni dei suoi migliori artisti in concerto, tra i quali:

Sabato 14 maggio, alle ore 12,00

Stefano Ligoratti

pianista

“Appassionatamente”

un omaggio a Ludwig Van Beethoven, del quale eseguirà le due Sonate:

“Chiaro di luna”, Sonata n. 14, op. 27 n. 2, in do # min

“Appassionata”, Sonata n. 23 op. 57, in fa min

Ingresso libero

Yulia Berinskaya e Stefano Ligoratti in concerto a Torino per il Salone del Libro 2011

 Yulia Berinskaya, Stefano Ligoratti, I concerti a calendario, Pianisti, Stefano Ligoratti, Violinisti, Yulia Berinskaya  Commenti disabilitati su Yulia Berinskaya e Stefano Ligoratti in concerto a Torino per il Salone del Libro 2011
Mag 052011
 
Print Friendly, PDF & Email

Concerto per la presentazione del CD di Yulia Berinskaya e Stefano Ligoratti (edizioni ClassicaViva) dedicato alla musica francese - Salone del Libro Torino 2011ClassicaViva sarà presente a Torino, nell’ambito del Salone Internazionale del libro, come espositore, al Padiglione 1, Stand E85 D86.

Presenterà anche alcuni dei suoi migliori artisti in concerto, tra i quali:

Venerdì 13 maggio 2011

ore 12,00

Yulia Berinskaya – violino

Stefano Ligoratti- pianoforte

“Violin in Blue”

DM Live! per la rassegna “Invasioni mediatiche” – Concerto per la presentazione del CD di Yulia Berinskaya e Stefano Ligoratti (edizioni ClassicaViva) dedicato alla musica francese

Programma

César Franck (1822-1890)

  • Sonata per violino e pianoforte in la maggiore

P. Sarasate (1844-1908) – Georges Bizet (1838-1875)

  • Fantasia sulla Carmen

Ingresso libero

Mag 042011
 
Print Friendly, PDF & Email

Il Soprano Monika Lukacs e il pianista Stefano Ligoratti in concerto con i Lieder di LisztIn occasione del duecentesimo anniversario della nascita di Franz Liszt, il soprano ungherese Monika Lukács e il pianista Stefano Ligoratti propongono un programma raffinato, che si ascolta troppo raramente. Si tratta dei lieder del grande compositore, e precisamente:

Programma

F. Liszt (1811-1886)

  • Über den Gipfeln (J. W. Goethe)
  • Ich liebe dich (F. Rückert)
  • Du bist wie eine Blume, (H. Heine)
  • Der Fischerknabe (F. Schiller)
  • Freudvoll und leidvoll (J. W. Goethe)
  • Oh! Quand je dors  (V. Hugo)
  • Mignon’s Lied (J. W. Goethe)
  • Es muß ein Wunderbares sein (Redwitz)
  • Kling leise, mein Lied (Nordmann)
  • Im Rhein im schönen Strome (H.Heine)
  • In Liebeslust (H. Fallersleben)
  • Hohe Liebe (Uhland)
  • Die Loreley (H. Heine)

Ecco un bel video documentario, girato in occasione di un concerto dal vivo dei nostri artisti con questo programma, arricchito di riprese molto interessanti durante le prove e con interviste musicologiche:

Concerto del Liceo Musicale di Milano per il suo quarantennale

 Stefano Ligoratti, Concerti, I concerti a calendario, Pianisti, Stefano Ligoratti  Commenti disabilitati su Concerto del Liceo Musicale di Milano per il suo quarantennale
Mag 042011
 
Print Friendly, PDF & Email

Concerto del Liceo Musicale di Milano per il suo quarantennaleUn interessante e simpatico evento per tutti gli appassionati della grande musica, che ne hanno a cuore il futuro. E’ un bel concerto gratuito per festeggiare uno dei Licei musicali italiani più antichi e prestigiosi, nel quale si sono formati molti musicisti importanti e affermati.

Partecipare è un modo per testimoniare l’affetto e il sostegno che tutti gli amanti della grande musica dedicano alle nostre istituzioni statali che si occupano, tra mille difficoltà e gli scogli di una riforma ancora in corso di attuazione, della formazione musicale nel nostro paese.

Il Conservatorio “G. Verdi” di Milano, in occasione del “Quaran-Trentennale” della Fondazione del proprio Liceo Musicale, ha organizzato un concerto celebrativo. Il Presidente del Conservatorio, Arnoldo Mosca Mondadori, e il Direttore, M° Sonia Bo, invitano dunque tutti i cittadini

il 12 Maggio 2011

al Concerto dedicato al Quaran -Trentennale
del Liceo Musicale
del Conservatorio “Giuseppe Verdi” di Milano
ore 21.00 – (Sala Verdi)

Concerto eseguito da solisti e ensemble di attuali studenti del Liceo Musicale “Giuseppe Verdi”

Presenzieranno e si esibiranno ex-studenti del Liceo che hanno raggiunto fama nazionale e internazionale

tra questi, ci fa particolarmente piacere citare la presenza del nostro Direttore artistico, M. Stefano Ligoratti, che si esibirà in duo con il violinista Edoardo Zosi

INGRESSO LIBERO FINO AD ESAURIMENTO POSTI

Il concerto sarà preceduto, da un incontro – conferenza stampa, secondo il seguente Programma:
18.30 – 20.00 (foyer sala Verdi) – Incontro con le Istituzioni ed i Giornalisti sul tema
“Le antiche radici nuove del Liceo Musicale
del Conservatorio Giuseppe Verdi”

20.00 – 20.45
Rinfresco

Apr 272011
 
Print Friendly, PDF & Email

I concerti di Chopin alla Palazzina Liberty

I concerti di Chopin alla Palazzina Liberty di Milano, con  i pianisti Stefano Ligoratti e Sara Costa

Nell’ambito della rassegna musicale “Concerti in Periferia – Terza Edizione”, organizzata dalla Fondazione Milano Policroma, dalla Consulta Periferie di Milano, dall’Associazione CulturaleIl Clavicembalo Verde”, da “ClassicaViva” , e col patrocinio del Comune di Milano, della Provincia di Milano e della Zona 4, presso la

Palazzina Liberty

a Milano, Largo Marinai d’Italia, 1

Domenica 1° Maggio 2011, alle ore 18

si terrà l’evento musicale

Musica per Karol – in occasione della beatificazione

“I concerti di Chopin”.

Sul palco, con la direzione artistica del giovane e poliedrico talento Maestro Stefano Ligoratti,  si esibiranno il “Milano Chamber Music Ensemble”, il pianista Stefano Ligoratti e la pianista Sara Costa.

I concerti verranno eseguiti nella versione per Pianoforte e Quintetto d’Archi.

In omaggio al grande Papa, oltre all’esecuzione dei concerti di Chopin,  con la meravigliosa musica del più famoso musicista polacco,  verrà cantata una poesia di Papa Wojtyla, a cura di Spero Bongiolatti

Il programma prevede:

  • Frédérick Chopin:  Concerto n. 1 Op. 11 in mi min. per pianoforte e Orchestra – pianista Stefano Ligoratti
  • Karol Wojtyla: Poesia cantata in omaggio al Papa, in occasione della beatificazione – Spero Bongiolatti
  • Frédérick Chopin:  Concerto n. 2 Op. 21 in fa min. per pianoforte e Orchestra – pianista Sara Costa

Ingresso libero

seguirà buffet

Mar 232011
 
Print Friendly, PDF & Email

I concerti di Chopin alla Palazzina Liberty di Milano, con l'Orchestra d'archi del Clavicembalo Verde, con la direzione di Stefano Ligoratti e i pianisti Stefano Ligoratti e Sara Costa“I concerti di Chopin alla Palazzina Liberty”

Nell’ambito della rassegna musicale “Suonare”, organizzata dall’Associazione Culturale “Il Clavicembalo Verde”, da “ClassicaViva” e col patrocinio del Comune di Milano e della Zona 4, presso la

Palazzina Liberty

a Milano, Largo Marinai d’Italia, 1

mercoledì 30 marzo alle ore 21

si terrà l’evento musicale

“I concerti di Chopin”.

Sul palco, con la direzione del giovane e poliedrico talento Maestro Stefano Ligoratti, Pianista e Direttore, si esibiranno L’Orchestra d’archi “Il Clavicembalo Verde”, e la pianista Sara Costa.

Oltre al tributo al grande Chopin, verranno eseguite musiche del giovane compositore Attilio Pace.

Il programma prevede:

  • Frédérick. Chopin: – Concerto n. 1 Op. 11 in mi min. per pianoforte e Orchestra – pianista Stefano Ligoratti
  • Attilio Pace: – Concerto per violino e Orchestra – Sonata
  • Frédérick. Chopin: – Concerto n. 2 Op. 21 in fa min. per pianoforte e Orchestra- pianista Sara Costa

Ingresso libero

Pensiamo di far cosa gradita pubblicando qui il dettagliato programma di sala, che contiene anche una presentazione  dei Concerti di Chopin: per una buona visualizzazione, andrà stampato sui due lati e piegato a metà.

Programma Di Sala Concerti Chopin Palazzina Liberty Milano – Ligoratti Costa – 2011

Feb 242011
 
Print Friendly, PDF & Email

Carola ZosiNell’ ambito della stagione concertistica 2010/2011 “Incontri Musicali” organizzata dalla Società dei Concerti, Lunedì 28 febbraio alle ore 21 si terrà nella Sala Puccini del Conservatorio G. Verdi di Milano, il 12° Concerto, con l’ Accademia strumentale Morigi, diretta dal Maestro Matthieu Mantaus.il pianista Stefano LigorattiProtagonisti dell’evento saranno i solisti Carola Zosi, violino e Stefano Ligoratti, pianoforte.In programma, il magnifico (e raro) Doppio Concerto in Re minore per violino, pianoforte e Orchestra di Felix Mendelssohn, la Sinfonia n. 10 per archi, sempre di Mendelssohn, e , di J. Haydn, la Sinfonia n. 6 in re magg. Hob. I/6 “Il mattino”.

Il Concerto in Re minore per pianoforte, violino e orchestra fu composto da Mendelssohn a quattordici anni, nel 1823, probabilmente in vista delle esecuzioni musicali che si tenevano in casa Mendelssohn tutte le domeniche mattina. Il Concerto in Re minore, nella caratteristica forma tripartita, si apre con un ampio Allegro, il cui tema principale sembra, a tutta prima, un soggetto di fuga, e ci fa subito pensare ai severi studi di contrappunto seguiti con tanta passione a quel tempo dal giovane Mendelssohn. Il secondo movimento, Adagio, in tempo ternario, si svolge in un’atmosfera di tenue romanticismo, e vede i due solisti dialogare a lungo senza alcun accompagnamento. Il Finale, Allegro molto, è invece brano di grande brillantezza, ricco di estro virtuosistico, che richiede interventi di estrema bravura ai due strumenti solisti.

La Sala Puccini del Conservatorio Verdi di Milano

Ingresso libero


Feb 012011
 
Print Friendly, PDF & Email

Yulia Berinskaya e Stefano LigorattiL’altra sera, 31 gennaio 2011, al Teatro Politeatro di Milano è stato presentato l’ultimo disco prodotto ed inciso dalla Casa Editrice musicale “ClassicaViva“, con la lezione-concerto “Violin in Blue”. ClassicaViva è specializzata nella ricerca e nella promozione di nuovi talenti nell’ambito della musica classica. Fin dalla sua nascita si impegna in prima linea nella valorizzazione di musicisti che, pur avendo raggiunto un livello di eccellenza in ambito strumentistico musicale, sono esclusi dalla popolarità riservata a pochissimi, a causa del sempre maggior peso dato al marketing dalle case discografiche blasonate e allo scarsissimo peso dato invece alla competenza e all’arte in senso stretto. In questa circostanza la presentazione riguardava l’uscita di “Violin in Blue”, una raccolta scelta di brani dedicati alla musica francese, con lo sguardo rivolto ad alcuni suoi vertici compositivi: la “Sonata per violino e pianoforte in la maggiore” di César Franck, la “Méditation de Thaïs” di Jules Massenet, la “Sonata per violino e pianoforte di Claude Debussy, la trascrizione per violino e pianoforte di Grigoraş Dinicu sul “Clair de Lune” sempre di Debussy, e infine la “Fantasia sulla Carmen di Bizet” trascritta e adattata per violino e pianoforte ad opera di Pablo de Sarasade, virtuoso del violino di fine ‘800. Un programma caratterizzato sia dal virtuosismo richiesto agli interpreti, sia dalla necessità di porsi in modo personale e possibilmente originale dinnanzi a brani che segnano l’apogeo della composizione francese a cavallo tra ‘800 e ‘900. Un compito affrontato e sapientemente risolto dalla coppia di interpeti, Stefano Ligoratti al pianoforte e Yulia Berinskaya al violino. Dopo uno studio minuzioso della pagina i due musicisti si sono cimentati in un’incisione di altissima qualità, alla ricerca di un equilibrio tra approcci interpretativi anche molto lontani tra di loro. Il risultato è evidentemente forte di questo scambio, in cui si possono apprezzare i contrasti tra una concertazione interna del pianoforte da una parte – che tende a far risaltare i piani contrappuntistici e la complessità armonica in relazione alla linea melodica “ciclica” tipica dei compositori francesi dell’epoca – e dall’altra una veemenza esecutiva al violino che cerca di staccare con decisione il volo da quel pavimento avvolgente e orchestrale che il pianoforte significa e persino impone. Yulia Berinskaya e Stefano LigorattiLa tecnica della Berinskaya impressiona, pur non sovrastando mai la musica e l’effetto sinfonico del tutto. Anzi ciò che raramente si ascolta e che qui prepondera è l’audacia di un suono che muta timbricamente, passando dalla rarefazione assoluta, impressionistica, di poche note tirate sul pianissimo come galleggiassero per aria, fino a giungere alla ruvidezza di un violino zigano che spinge al limite le sue possibilità espressive, piegando lo strumento al servizio di un’intensità spasmodica che evoca più le tinte forti dei villaggi russi di Chagall che non le vedute parigine di Monet. La Berinskaya è delicata e accorta negli abbellimenti di passaggio tra la fine di una frase e l’inizio di un’altra e fondendoli insieme alla linea principale gli conferisce piena musicalità senza che siano inutilmente esornativi. Quando lo spartito reclama attacchi incisivi o salti di tono o brusche variazioni ritmiche e dinamiche la Berinskaya non si tira indietro e oltre che fendere con irruenza lo spazio acustico pare portare lo strumento sul ciglio di un precipizio, cadendo dal quale si frantumerebbe tutto. Lì rimane invece, e ci porta con sè su quel crinale davanti al vuoto, col fiato sospeso. Il volto del pubblico era un racconto mimico chiarissimo di queste frustate improvvise, delle fughe in avanti, delle frenate impossibili, dei cambi di direzione nel giro di poche battute. Tuttavia questo accade come un processo naturale, in pieno controllo e in pieno abbandono emotivo, simultaneamente, e la sola cosa che ci rassicura nell’ascoltarla è vedere la saldezza che ha sulla scena mentre brandisce il violino, poi lo coccola, poi lo ama; ci placa l’ accettare che nonostante tutto non cadrà e non ci trascinerà con sè cadendo. Ma che brividi. Che brividi. Il lavoro pianistico, direi orchestrale, di Ligoratti è spiazzante per maturità se raffrontato alla sua giovane età. E’ vero che il programma di sala e la presentazione di Ines Angelino, Direttore Editoriale di ClassicaViva, preparano a questa anomalia tra anagrafe e spessore artistico, ma l’effetto di sorpresa nell’ascolto non è mitigato dalla messa in guardia. Ligoratti non a caso è anche organista, clavicembalista, direttore d’orchestra e compositore, e soprattutto eseguendo la sonata di Franck – il quale si rese noto inizialmente come eccelso organista – emerge in tutta chiarezza la cognizione della partitura e lo scavo nei minimi anfratti armonici. Continue reading »

Gen 282011
 
Print Friendly, PDF & Email

La stagione concertistica dell'Umanitaria a MilanoIl 30 gennaio 2011 si terrà  a Milano un insolito concerto di musica da camera, per la stagione “Camera con vista” della Società “L’Umanitaria“, nell’Auditorium, alle ore 17.00 Ingresso: Via San Barnaba 48 – 20122 Milano – Biglietti: € 10,00-7,00

Il duo Lukacs-Ligoratti

In occasione del duecentesimo anniversario della nascita di Franz Liszt, la soprano ungherese Monika Lukács, con il pianista Stefano Ligoratti, propongono infatti un programma raffinato, che si ascolta troppo raramente. Si tratta dei lieder del grande compositore, e precisamente:

Programma

F. Liszt (1811-1886)

  • Über den Gipfeln (J. W. Goethe)
  • Ich liebe dich (F. Rückert)
  • Du bist wie eine Blume, (H. Heine)
  • Der Fischerknabe (F. Schiller)
  • Freudvoll und leidvoll (J. W. Goethe)
  • Oh! Quand je dors, ( V. Hugo)
  • Mignon’s Lied (J. W. Goethe)
  • Es muß ein Wunderbares sein ( Redwitz)
  • Kling leise, mein Lied, ( Nordmann)
  • Im Rhein im schönen Strome (H.Heine)
  • In Liebeslust (H. Fallersleben)
  • Hohe Liebe (Uhland)
  • Die Loreley (H. Heine)
  • G. Verdi (1813-1901): Lo spazzacamino

La Stagione di Concerti 2010-2011 ha un taglio decisamente “internazionale” perché intende essere un osservatorio privilegiato delle differenti culture musicali europee. Da qui il titolo “Camera con vista”, che non vuole essere un filologico omaggio al libro di Foster, ma ne vuole mutare, nel nostro immaginario, il significato, facendo diventare il pubblico dell’Umanitaria un osservatore privilegiato, affacciato ad “una finestra sul mondo”: quello dei nostri musicisti. A loro, vincitori della prima edizione internazionale del Concorso per l’attribuzione di Borse di Studio agli Studenti degli Istituti di Alta Formazione Musicale – che la Società Umanitaria indice – o laureati di competizioni nazionali, l’Umanitaria ha infatti chiesto di formulare programmi con musiche legate alla storia e alla tradizione culturale del loro Paese; senza per questo dover scegliere autori obbligatoriamente nazionali. Qui, il cartellone completo.